Sui promontori a dominio delle valli vissero gli Etruschi, i Romani e nel medioevo gli abitanti di castelli e abbazie, è qui che in origine nacque e si sviluppò Tuscania.
L’ambiente che circonda l’abitato si è modellato su rocce vulcaniche e sedimentarie le quali hanno generato nelle zone circostanti le preziose sorgenti termali. Nell’insieme l’orizzonte è collinare e pianeggiante, in alcuni punti inciso da solchi- forre ricchi di vegetazione in cui scorrono antichi torrenti. Dappertutto restano segni del passato che creano tipici paesaggi di questa parte d’Italia che accoglie la rigogliosa asprezza della Maremma.

un po’ di storia

Il nome di Tuscania denuncia l’antichissima origine etrusca, da una radice “turs” di oscuro significato; gli etruschi furono infatti chiamati dai Greci e dai Romani, Tusci, Etrusci, Tyrreni ecc. 

leggi di più

Nel 1300 il papa Bonifacio VIII per punire la città che si era resa colpevole di un tentativo di rivolta contro Roma, oltre a varie altre condanne, le inflisse il diminutivo di Toscanella e il nomignolo le rimase addosso per oltre sei secoli, fino al 1911.

Il 6 Febbraio del 1971 un violento terremoto distrugge il paese: sembrava che la grande eredità fosse stata cancellata ma un accurato restauro ha pienamente restituito il centro storico al suo originale fascino.

da vedere

La città oggi ci appare ancora racchiusa da antiche mura merlate rinforzate da torrioni medievali. Nel suo interno, portici, logge, finestre bifore, rosoni, fontane che vantano la firma di architetti famosi quali il Vignola e il Bramante; stemmi di famiglie illustri, chiese narranti una propria antichissima storia come Santa Maria delle Rose che è una delle più belle.

leggi di più

E fuori dalle mura l’immagine di San Pietro e Santa Maria Maggiore due antiche basiliche poste sul colle solitario a pochi metri una dall’altra; San Pietro è stata fondata all’inizio del VIII secolo, è la più importante chiesa di Tuscania e una delle prime grandi realizzazioni architettoniche in stile romanico-lombardo della cristianità; una delle primissime chiese veramente italiane. La chiesa che si vede rivolta ad oriente, sul pendio del colle che fu acropoli di Tuscania antica, non è il risultato di un progetto e di una sola fase costruttiva bensì il prodotto di più interventi, ampliamenti e apporti decorativi. Opera architettonica sacra e sociale, realizzazione dell’architetto, degli artigiani e della città tutta.

Nella vicina basilica di Santa Maria Maggiore, la più antica del luogo, troviamo lo stesso stile romanico con elementi gotici, evidente nel suggestivo portale. L’interno ospita il pregevole ambone, il fonte battesimale e le numerose decorazioni pittoriche tra cui il Giudizio Universale. 

Dello stesso stile e periodo è anche l’importante Abbazzia di San Giusto, nella campagna del paese, oggi completamente restaurata e visitabile. 
Il resto del territorio richiama ad epoche ancora più remote con le necropoli etrusche, tra loro la più famosa è la Grotta della Regina.

In queste tombe scavate nel tufo furono rinvenuti numerosi reperti come sarcofagi, pezzi attici, buccheri bronzi e vetri, che oggi si possono ammirare al Museo Archeologico Nazionale che è all’interno di un bellissimo chiostro francescano; altri significativi reperti trovati nel territorio e conservati in musei o collezioni di mezzo mondo, sono i sarcofagi in terracotta al museo di Valle Giulia a Roma, i dadi da gioco in avorio conservati a Parigi, lo specchio bronzeo al museo di Firenze, l’urna fittile ai Musei Vaticani.

percorsi & itinerari consigliati

La sua posizione può offrire una straordinaria varietà di percorsi anche
giornalieri; tra quelli di maggior rilievo suggeriamo:

leggi di più

Itinerario archeologico

Tarquinia (22 km da Tuscania). Il Museo Archeologico Nazionale allestito presso Palazzo Vitelleschi. Considerato tra i più importanti musei etruschi d’Italia: ceramiche greche ed etrusche, corredi funerari, sarcofagi e la famosissima scultura dei Cavalli Alati. La necropoli etrusca è riconosciuta dall’UNESCO come patrimonio dell’umanità. Tombe a camera con decorazioni pittoriche, dal VI al II sec. a. C.

Vulci (24 km da Tuscania). Un Museo ed una necropoli in un parco archeologico. Difficile descrivere il fascino e la bellezza del ponte di Vulci, del Castello e della Civita Romana. I visitatori restano affascinati da un paesaggio simile ad una stampa del Rinascimento.
Necropoli rupestri di notevole valore storico paesaggistico di Blera, Barbarano Romano, Norchia e Castel d’Asso,(23 Km da Tuscania) le tombe scavate nel tufo sono spesso avvolte dalla fitta vegetazione.

Itinerario Medievale e Rinascimentale

Viterbo (18 km da Tuscania). Il quartiere medievale di San Pellegrino; stradine, palazzotti profferli, fontane, archi e piazzette costituiscono un grande valore artistico. La Cattedrale gotica, il Palazzo dei Papi. Il Museo Civico di Viterbo ospita uno degli artisti più significativi del nostro rinascimento, Sebastiano del Piombo, con le due grandi tavole della Pietà e della Flagellazione.

Civita di Bagnoregio (29 km da Tuscania). Costruita su una collina di tufo nell’alba dei tempi, è stata soggetta ad erosione causata dal vento, dalla pioggia e dai terremoti nel corso dei secoli. Nel XVIII sec le forze della natura hanno completato il loro lavoro rendendo Civita isolata nel drammatico modo in cui possiamo ammirarla ora: una vista da lasciare senza parole, che rende meritevole l’attraversamento di tutta l’Italia solo per vederla. San Bonaventura nacque qui nel XIII secolo, “Io non creerò un nuovo ordine. Io non metterò altri in catene o cilici. Io proclamerò solo la verità, a cui non è permesso oltrepassare il silenzio”. Le parole di San Bonaventura ancora echeggiano in questo meraviglioso scenario. 

Bagnaia (25 km da Tuscania). Villa Lante: uno degli esempi più importanti di giardino all’italiana, con due palazzine ed artistiche fontane. 

Bomarzo (31 km da Tuscania). Parco dei Mostri: nel parco sono dislocati enormi sculture grottesche ed inusuali per il periodo i cui fu realizzato. Tra le sculture più interessanti il Mascherone, dalle sembianze mostruose con enorme bocca spalancata, nel cui interno è ricavata una stanza. 

Caprarola (40 km da Tuscania). Palazzo Farnese: costruito su disegno del Vignola, è una delle migliori creazioni architettoniche del tardo Rinascimento. Gli affreschi delle sale rappresentano il più grandioso monumento di pittura in Italia tra il settimo e l’ottavo decennio del 1500. Notevole la Scala Elicoidale capolavoro del Vignola. Il parco-giardino con monumentali fontane, termina con una elegante palazzina preceduta da un piano circondato da 28 cariatidi e da una gigantesca fontana. 

Orvieto (35 km da Tuscania). Tutti i viaggiatori hanno familiarità con il più famoso monumento costruito per celebrare la religione, ma indistintamente tutti trattengono il respiro quando scorgono il Duomo di Orvieto, XIV sec, visibile a molti chilometri di distanza sulla collina tufacea. 

Foro Cassio una piccola località nel comune di Vetralla (26 Km da Tuscania) duemila anni di storia, una città romana ancora tutta da scoprire, chiesa di Santa Maria in Forcassi un complesso architettonico risalente al X secolo con due dipinti murali di Masaccio. L’edificio ha un grande valore storico-culturale-spirituale.

Itinerario Lacustre e Termale

Lago di Bolsena (12 km da Tuscania). E’ il maggiore del laghi vulcanici italiani. Sulle acque del lago si affacciano numerosi tratti di spiaggia sabbiose. Da visitare l’isola Bisentina che può essere raggiunta con un battello. Tra fitte macchie di lecci e roseti sorgono sull’isola numerosi monumenti: dai resti di necropoli etrusche ad un convento quattrocentesco, alla chiesa dei Santi Giacomo e Cristoforo, opera di Antonio da Sangallo. 

La zona Termale (16 km da Tuscania). Un patrimonio fin dall’antichità, le terme di Viterbo sono citate più volte nella Divina Commedia di Dante. 

Strada dell’Olio I trend alimentari degli ultimi anni privilegiano un prodotto ad alto valore nutrizionale con caratteristiche di alta qualità e naturalità tale come l’olio extra vergine di oliva. Solo 24 ore tra la raccolta e spremitura, i consumatori di olio più evoluti sanno che prima avvengono il trasporto al frantoio e la spremitura, meglio si mantiene la qualità del frutto, a tutto vantaggio della bassa acidità dell’olio. Grazie a queste regole auree di produzione, l’olio extra vergine d’oliva può essere consigliato agli sportivi, alle donne e alle future-mamme, ai bambini e agli anziani. Ricco di antiossidanti naturali, contribuisce al rallentamento dell’invecchiamento cellulare e a ridurre il colesterolo LDL.
La produzione DOP (denominazione di origine protetta) dell’olio della Tuscia viene delineata idealmente nell’asse geografico Canino – Tuscania – Viterbo – Vetralla.
In alcuni frantoi l’estrazione avviene a freddo ma con macchine estremamente innovative. 
Periodo di degustazioni Novembre e Dicembre.

Itinerario Religioso

Tra tutti gli itinerari religiosi della provincia di Viterbo, quello più conosciuto nei secoli è stato sicuramente la “Via Francigena”. All’inizio del primo millennio l’Europa vide folle di pellegrini muoversi lungo gli itinerari sacri per raggiungere luoghi santi della religione cristiana, in particolare Roma. Tra le strade che conducevano a Roma, di primaria importanza era senza dubbio la via Francigena, che in alcuni punti coincide con l’antica Cassia. Per questa via transitarono culture, emblemi e linguaggi ancora oggi rintracciabili. E’ interessante scoprire come nei secoli alle “statio” Romane si siano sostituiti gli ospizi per pellegrini e come il viandante, il soldato, l’imperatore abbiano lasciato sempre una traccia o un ricordo scritto del loro passaggio o della loro sosta. Molti paesi della provincia, come Acquapendente, Bolsena, Montefiascone, Ronciglione, e Sutri oltre Viterbo, debbono molto a questa importante arteria che nei secoli ne ha determinato lo sviluppo urbano.

eventi

La Tuscia è ricca di tradizioni che traggono origine da antichi riti pagani o che seguono l’avvicendarsi delle stagioni e dei loro prodotti. A questi si uniscono gli eventi religiosi, che da secoli scandiscono il passare del tempo, e manifestazioni culturali che esaltano il patrimonio artistico di questa terra così ricca di storia e tredizioni artigiane.

leggi di più

Gennaio (domenica di S. Antonio)
Festa di Sant’Antonio Abate, benedizione degli animali, sfilata dei butteri a cavallo, “sagra della frittella al cavolfiore”, mercato. Tuscania

Febbraio
9 – “Pranzo del Purgatorio” viene allestito per oltre mille commensali nei capannoni della cantina sociale. Gradoli

Marzo
25 – “Fiera dell’Annunziata”. Viterbo
Pasqua
Rievocazione della Passione di Cristo, processione del Venerdì Santo, i penitenti incappucciati e incatenati accompagnano il Cristo Morto in grembo alla Madonna. Tuscania

Aprile
Primo Venerdì – Festa della Merca. Loc. Roccaccia tra Tarquinia e Tuscania
25 – “Festa della Madonna del Cerro”, picnic. Tuscania
30 – “San Pellegrino in Fiore” itinerario floreale nel quartiere medievale, (per 3 giorni). Viterbo

Maggio
I° weekend – Fiera e passeggiate enogastronomiche. Tuscania
2° weekend – “Nitriti di Primavera” rassegna nazionale equestre, sfilata del cavallo italiano, (per 3 giorni). Tuscania
14 – “Barabbata”, festa della Madonna del Monte. Marta
29 – “Sagra del lattarino”. Marta
29 – Corpus Domini, infiorata. Tuscania

Giugno
nel mese – “Festival di Ferento”, nel Teatro Romano, (fino ad Agosto). Viterbo
nel mese – “Festival di Vulci”, nel Parco Archeologico, (fino ad Agosto). Vulci 

Luglio
16/17 – Sagra della Cannaiola. Marta
nel mese – “Festival Paesaggi di Suoni” musica teatro e danza, (fino all’8 Agosto). Tuscania
seconda metà di Luglio – Festa del vino, Castiglione in Teverina, Gradoli, Montefiascone, Vignanello. 
Un viaggio del gusto lungo un itinerario attraente. 

Agosto
prima metà di Agosto – Festa del vino, Castiglione in TeverinaGradoliMontefiasconeVignanello.
Un viaggio del gusto lungo un itinerario attraente
1/15 – “Festa del Vino”. Montefiascone
1/8 – Feste Patronali. Tuscania
6/7- Sagra del Coregone. Capodimonte
13 – “Festival Barocco”, musica fino al 15 Ottobre. Tuscania
17 – Sagra della Porchetta. Bagnaia
20/21 – Festa di San Bartolomeo, corse a vuoto dei cavalli senza Fantino. Ronciglione 

Settembre
1/8 – “Ottava Medievale”. ognuna delle sette contrade in cui è divisa la città apre al pubblico la sua taverna. Orte
3 – “Macchina di Santa Rosa”, la torre luminosa alta 30 mt. Viene trasportate nelle vie abbuiate . del centro da 100 Facchini. Viterbo
4 – Fiera di Santa Rosa. Viterbo
12 – “Jack Russel Day”, raduno dei simpatici cagnoletti. Tuscania
15 – Processione della Madonna. Tuscania
17/18 – Mostra del Cavallo Maremmano. Canino 

Ottobre
primo weekend – Sagra della cioccolata a squajo, antica tradizione di cioccolata in tazza con panini tipici. 
1/9 – Sagra della Castagna. Soriano 15 – “Festival Barocco”, concerto di chiusura. Viterbo
22/30 – Sagra della Caldarrosta. San Martino al Cimino 

Novembre
nel mese – inizio programma “Teatro Rivellino”, fino a Maggio. Tuscania 

Dicembre
8/11 – Sagra dell’Olio. Canino
Natale – Presepe vivente, nei vicoli del Centro Storico. Tuscania

libri da leggere

leggi di più

Tuscania, guida ai principali monumenti – Enio Staccini 

Città e Necropoli d’Etruria: Tuscania – The cities and cemeteries of Etruria, – George Dennis 

Etruscan Places – Paesi etruschi, – D.H. Lawrence 

Tour to the sepulchres of Etruria, – Elisabeth Caroline Hamilton Gray 

Tuscia, viaggio in leggìo, – Antonello Ricci 

Chiesa di Santa Maria Maggiore, – Fulvio Ricci

link utili

leggi di più

Sito del Comune di Tuscania: www.comune.tuscania.vt.it

Portale dedicato ai locali della Tuscia: www.tusciabynight.it

Sito della Manifestazione Nitriti di Primavera: www.nitritidiprimavera.it

Il portale dei parchi italiani: www.parks.it

Necropoli Madonna dell’Olivo di Tuscania: www.archeologia.beniculturali.it

Museo Nazionale di Tuscania: www.archeologia.beniculturali.it

Teatro Comunale Rivellino: www.teatrorivellino.it

artigianato locale: www.lcceramiche.com

PaesiOnLine.it: Hotel Tuscania

Sistema Museale del Lago di Bolsena: www.sistemimuseilazio.it.it

Centro Termale: www.termedeipapi.it

Tuscia Viterbese, qui puoi trovare informazioni sui prodotti tipici, sulla natura, l’archeologia, la storia e le tradizioni della nostra terra: www.tusciaviterbese.it

Eventi a Tuscania, Festival Paesaggi di Suoni: www.paesaggidisuoni.it

Guide Turistiche, Itinerari fra storia arte tradizioni e natura: www.etruriaguide.it

Il Giardino dei Tarocchi: www.nikidesaintphalle.com

Festival Barocco: www.provincia.vt.it/barocco/default.asp

Campi volo, Lazio, San Lazzaro Tuscania: www.ulm.it